top of page
  • Maciej Makula

LEADER - SHAPING TOMORROW

Cerchiamo leader - coloro che hanno visione, capacità di comunicazione, empatia, sanno prendere decisioni, costruire motivazione e fiducia tra gli altri, sanno delegare i compiti e sono aperti al feedback. Cerchiamo leader che lavorino nel campo della comunicazione sociale. Il seguente breve articolo tratterà tre qualità selezionate di un leader: la capacità di motivare, le competenze comunicative e la visione.


Abilità di motivare

"L'obiettivo di molti leader è far sì che le persone abbiano la migliore opinione di loro. L'obiettivo di un grande leader è far sì che le persone abbiano un'opinione migliore di loro stesse", sono le parole pronunciate dalla professoressa Carla Northcutt. In realtà, questo si traduce in una capacità essenziale di motivare i colleghi a superare ulteriori confini apparentemente invalicabili a testa alta. Un leader che concentra l'opinione pubblica su di sé spesso si preoccupa soprattutto della sua immagine positiva, che può comportare un atteggiamento narcisistico piuttosto che la capacità di motivare gli altri.


Parole simili sono state pronunciate da Harry S. Truman, Presidente degli Stati Uniti: "È incredibile quante cose si possono ottenere se non ci si preoccupa di chi sono gli onori". L'interesse per gli onori può essere un enorme peso per un leader, che spesso non è consapevole di questo fatto. Quest'aura intorno alla sua persona può creare un confine invisibile, un nimbo di superiorità e di inaccessibilità, che può far sì che le persone non lo seguano, ma che si sentano precipitate nelle loro responsabilità.


Motivare di solito significa essere in grado di stimolare il desiderio di raggiungere gli obiettivi. Oltre al rinforzo positivo, sono essenziali competenze come l'ascolto attivo, l'elogio realistico, l'incoraggiamento al cambiamento, il rispetto per i collaboratori, la critica costruttiva, la trasparenza nell'azione e nella comunicazione, la sfida, il controllo delle emozioni, il senso di sicurezza nel processo decisionale e nel senso dell'azione, l'aiuto allo sviluppo delle competenze, la remunerazione adeguata, la comunicazione chiara, l'empatia, la comprensione delle motivazioni dei collaboratori, l'ispirazione e la delega chiara.


Capacità di comunicazione

Di che colore sono la mia personalità e le mie capacità comunicative? Questa domanda si riferisce ai quattro colori della personalità descritti dallo psichiatra Carl Jung e oggi conosciuti come modello DISC. Thomas Erikson sviluppa l'argomento in modo molto approfondito nella sua opera, descrivendo l'impatto delle differenze di colore sulla nostra comunicazione e sulle relazioni con l'ambiente. Secondo l'autore, distinguiamo quattro tipi di comportamento e modalità di comunicazione: rosso, giallo, verde e blu.


I rossi sono persone con qualità di leadership, estroverse, assertive, ambiziose, indipendenti, volitive, leader, orientate al compito, orientate ai risultati, dominanti e veloci nel lavoro.


Le persone gialle sono entusiaste, intraprendenti, ottimiste, capaci di ascoltare, orientate alle relazioni, estroverse, creative e soddisfatte della vita.


I verdi sono introversi, orientati alle relazioni, amichevoli, evitano i conflitti, sono equilibrati, pazienti, calmi, hanno difficoltà a prendere decisioni e a risolvere i conflitti, sono stabili, riluttanti al cambiamento.


I blu sono persone con una personalità introversa, curiose, pensatori logici, molto accurati, dettagliati e sistematici nel loro lavoro, persino perfezionisti, con una mente analitica.


Erikson spiega che la maggior parte delle persone è una combinazione di diversi colori: circa il 5% della popolazione è monocolore, l'8% bicolore e il resto sono personalità che contengono tre colori al loro interno. Le abilità comunicative possono e devono essere sviluppate. Indipendentemente dal modello di comunicazione, vale la pena studiare e cercare risposte per aiutarla a comunicare correttamente e a comprendere i modi in cui gli altri comunicano. Un leader efficiente comprende che le persone comunicano in modi diversi ed è ben consapevole del proprio modo di comunicare, soprattutto quando dirige il lavoro degli altri.


Avere una visione

Un leader ha una visione chiara dell'istituzione e del gruppo di persone che guida. Inoltre, è caratterizzato dal coraggio di prendere decisioni talvolta rischiose e incerte. Sun Tzu, nel suo consiglio nell'Arte della guerra, disse che "Un comandante privo di coraggio non può superare le difficoltà o realizzare grandi piani". Un vero leader è un uomo con una visione, che sa dove è diretto e condivide la sua visione con passione ed entusiasmo.


Realizzare la propria visione richiede pazienza. "Più potere hai, più pazienza devi avere", diceva Seneca il Giovane. Avere una visione significa avere il coraggio di affrontare i problemi che si presentano ogni giorno, piuttosto che rimandarli, sperando in una soluzione spontanea. "Molte persone usano più energie per parlare dei problemi di quante non ne utilizzino per risolverli", diceva Henry Ford.


Un leader non deve solo avere un quadro chiaro degli obiettivi dell'organizzazione o del progetto, ma anche la capacità di comunicare questi obiettivi in modo da ispirare i suoi colleghi. La sua visione fornisce una direzione, ma costruisce anche l'impegno e la motivazione all'interno del team. Ispirando gli altri ad agire, il leader diventa un punto di riferimento per l'intera organizzazione, stabilendo standard e aspettative chiare. Infine, è importante ricordare le parole di John C. Maxwell: "Le persone non lasciano il lavoro, ma abbandonano i loro capi". Questo sottolinea l'importanza del ruolo del leader nel plasmare l'atmosfera lavorativa e le relazioni all'interno dell'organizzazione.


Vi invitiamo al Convegno Comunicazione che si terrà dall'1 al 7 agosto 2024, a Roma.

22 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page